venerdì 12 aprile 2013

Il prossimo nella crisi dell'euro? Portogallo e Slovenia sono i principali candidati


I guai di Cipro hanno scatenato un nuovo esame dello stato di salute della zona euro, con un focus particolare su quale paese potrebbe essere il prossimo in fila per un piano di salvataggio e la misura in cui gli azionisti e risparmiatori avranno perdite quando le banche falliranno (bail-in ). Gran parte dell'attenzione si è concentrata su due paesi.
In primo luogo, il Portogallo, che è stato spinto di nuovo in prima pagina, con la corte costituzionale del paese che di recente ha sentenziato contro alcuni tagli di bilancio del governo su mandato dell'UE. In secondo luogo, la Slovenia, che si trova ad affrontare una massiccia crisi bancaria,  e che a sua volta, fornisce un altro banco di prova potenziale per la zona euro vagamente definito piano 'bail-in'. 
In un nuovo incontro si è parlato di tutto questo, Open Europe fornisce un breve riassunto dei punti chiave per guardare alla situazione in ogni paese: 
 
Per leggere Open Europe per intero, clicca qui: 

Punti chiave: 

Entrambi il Portogallo e la Slovenia potrebbero avere bisogno di assistenza  dall'esterno di qualche tipo. 

Portogallo 

La domanda interna, la spesa pubblica e gli investimenti si contraggono bruscamente, lasciando il paese fortemente dipendente dalla crescita incerta delle esportazioni.
Con il taglio dei salari e dei costi interni (svalutazione interna), il Portogallo negli ultimi anni ha migliorato il proprio livello di competitività nella zona euro rispetto alla Germania. Tuttavia, questa tendenza ha iniziato ad invertirsi bruscamente nel 2012, il che significa che la divergenza tra i paesi come il Portogallo e la Germania ha iniziato a crescere di nuovo - esattamente il tipo di squilibrio che la zona euro sta cercando di eliminare.




Nei suoi sforzi di austerità, il Portogallo sta ora combattendo contro gravi limiti politici e costituzionali. Per la seconda volta, la corte costituzionale del paese si è pronunciata contro i tagli salariali nel settore pubblico - un caposaldo del piano di austerità dell'UE verso il paese - ed inoltre il precedente consenso politico in Parlamento nei confronti dell'austerità è evaporato.
Questo comporterà che, sarà sempre più difficile per il Portogallo a proporre nuove manovre di austerità e di conseguenza negoziare i termini di salvataggio con i paesi creditori all'estero.
Il Portogallo avrà anche bisogno di qualche ulteriore assistenza finanziaria nel breve periodo. E 'improbabile che questa assistenza possa prendere la forma di un secondo piano di salvataggio completo, ma potrebbe comportare l'utilizzo del programma di acquisto di bond OMT da parte della BCE, facendo si che il Portogallo possa tornare sui mercati.


Slovenia 

La Slovenia non è Cipro - in realtà è molto di più simile alla Spagna. Le sue banche sono sottocapitalizzate significativamente con prestiti tossici ora vicini al 18% del PIL. Le banche hanno pochissima disponibilità per coprire meno della metà delle perdite potenziali derivanti da tali prestiti.



Allo stesso tempo, un settore privato fortemente indebitato ora cerca disperatamente di ottenere nuovo debito, che a fianco  dell'austerità e alla mancanza di investimenti, hanno causato il precipitare della crescita. 
Anche se un salvataggio completo è improbabile, il paese potrebbe presto aver bisogno di un pacchetto di salvataggio UE di importo compreso tra € 1 miliardo e 4 miliardi di € (tra il 3% e il 11% del PIL) per contribuire a ristrutturare le basi del paese e le banche mal gestite.

Tale piano è probabile che includa forti perdite per gli azionisti (bail-in), ma, a differenza di Cipro, non può colpire grandi depositanti (non assicurato) e non ci sarà alcun tentativo di tassare i piccoli (assicurato) depositanti.
Questa è la situazione attuale a grandi linee...voi su chi scommettete? chi sarà la prossima vittima del disastro Euro?

Fonte: openeurope.co.uk

Nessun commento:

Posta un commento